Comune di Offlaga | sito istituzionale

Segretario Comunale
Comune di OFFLAGA (Brescia)
 
Per nomina del Sindaco di Offlaga Dott. Giancarlo Mazza ed assegnazione del Ministero dell'Interno, il titolare della sede di segreteria del Comune di Offlaga è Paolo BERTAZZOLI, classe 1969. Responsabile per la prevenzione dei fenomeni illeciti ai sensi della Legge 190/2012 (anticorruzione per segnalazioni: contatti sottoriportati) e con poteri sostitutivi in caso di inerzia della PA per gli atti emanati dai dirigenti (Legge 35/2012).
 
ANTICORRUZIONE (UFFICIO) Si comunica (sia ai cittadini, sia ai dipendenti o a chiunque vorrà fornire notizie) che è possibile usare i seguenti recapiti in ordine di preferenza per qualsiasi segnalazione che sia inerente l'anticorruzione, si ricorda che il Segretario comunale è individuato dal Sindaco e dalla Legge 190/2012 come responsabile della prevenzione e repressione dei fenomeni illeciti ed è dirigente degli enti locali ma dipendente del Ministero dell'Interno.
Le segnalazioni anonime non possono essere prese in considerazione perché la denuncia è sottratta all'accesso previsto dagli articoli 22 e seguenti della legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni.
Modello per segnalazioni illeciti

In via sperimentale il portale per la gestione delle segnalazioni garantisce l'anonimato e non utilizza nessun sistema "interno" all'ente ma diretto con il Responsabile Anticorruzione (Segretario generale)

URL Accesso DIPENDENTI 
 LINK :
https://wb.anticorruzioneintelligente.it/anticorruzione/index.php?codice=PLDXCO&dipendente=1


URL accesso persone non dipendenti  LINK DIRETTO
https://wb.anticorruzioneintelligente.it/anticorruzione/index.php?codice=PLDXCO&dipendente=0

OPPURE
  1. e-mail personale Paolo Bertazzoli: p.bertazzoli@segretariocomunale.com
  2. via web: http://www.segretariocomunale.com/contatti.html
  3. PEC personale: pbertazzoli@legalmail.it (solo se da casella PEC)
  4. GSM: 393204255495 (cellulare personale)
Per comunicazioni istituzionali o ufficiali (con sistemi asincroni)
  1. PEC Comune: protocollo@cert.comune.offlaga.bs.it (solo se avete una PEC)
  2. Segreteria ufficio.segreteria@comune.offlaga.bs.it
Per comunicazioni istituzionali o ufficiali (con sistemi sincroni)
  1. Telefono 030979123 e Fax 030979431
  
Legge 190/2012:
51. Dopo l'articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, è inserito il seguente:
«Art. 54-bis. - (Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti).
1. Fuori dei casi di responsabilità a titolo di calunnia o diffamazione, ovvero per lo stesso titolo ai sensi dell'articolo 2043 del codice civile, il pubblico dipendente che denuncia all'autorità giudiziaria o alla Corte dei conti, ovvero riferisce al proprio superiore gerarchico condotte illecite di cui sia venuto a conoscenza in ragione del rapporto di lavoro, non può essere sanzionato, licenziato o sottoposto ad una misura discriminatoria, diretta o indiretta, avente effetti sulle condizioni di lavoro per motivi collegati direttamente o indirettamente alla denuncia.
2. Nell'ambito del procedimento disciplinare, l'identità del segnalante non può essere rivelata, senza il suo consenso, sempre che la contestazione dell'addebito disciplinare sia fondata su accertamenti distinti e ulteriori rispetto alla segnalazione. Qualora la contestazione sia fondata, in tutto o in parte, sulla segnalazione, l'identità può essere rivelata ove la sua conoscenza sia assolutamente indispensabile per la difesa dell'incolpato.
3. L'adozione di misure discriminatorie è segnalata al Dipartimento della funzione pubblica, per i provvedimenti di competenza, dall'interessato o dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative nell'amministrazione nella quale le stesse sono state poste in essere.
4. La denuncia è sottratta all'accesso previsto dagli articoli 22 e seguenti della legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni».
Il Segretario generale ai sensi dell'art. 97 Testo Unico Enti Locali (D.Lgs. 267/2000)  svolge compiti di collaborazione e funzioni di assistenza giuridico-amministrativa nei confronti degli organi dell’Ente in ordine alla conformità dell’azione amministrativa alle leggi, allo statuto ed a regolamenti. Con la abolizione dell'Agenzia Autonoma dei Segretari Comunali e provinciali, ora è divenuto dal 31 luglio 2010 dipendente del Ministero dell'Interno; infatti, il comma 31ter dell'art.7 della Legge n.122 del 30.07.2010 di conversione del D.L. n. 78 del 31.05.2010, ha soppresso “l'Agenzia Autonoma per la gestione dell'Albo dei Segretari Comunali e Provinciali“ Il Prefetto di MILANO come disposto da disposizione Ministero dell'Interno n.7116/M/1(7) ufficio Affari territoriali del 31/07/2010, succede a titolo universale a tutte le competenze dell'ex CdA della Sezione della Lombardia.
 
Il Segretario Comunale è figura di vertice dell´Organizzazione dell´ente e legato da un rapporto di dipendenza funzionale al Comune presso cui presta la propria attività e, più precisamente, da un rapporto a forte connotazione fiduciaria con il Sindaco.
Le funzioni del Segretario Comunale sono descritte dall´art.97 del D.Lgs 267/2000; svolge compiti di collaborazione e funzioni di assistenza giuridico - amministrativa nei confronti degli organi dell´Ente in ordine alla conformità dell´azione amministrativa, alle leggi, allo Statuto ed ai regolamenti. In particolare la funzione del Segretario non è più di controllo della legittimità dei singoli atti (anche se vi sono ipotesi di un ritorno a controlli simili),  bensì di collaborazione, anche propositiva, nei confronti di tutta l´Amministrazione Comunale, affinché l´azione svolta dall´Ente sia conforme ai principi posti dall'ordinamento giuridico per il raggiungimento degli scopi prefissati dagli Amministratori.
L´abrogazione delle disposizioni sul parere di legittimità non preclude che il Segretario possa sempre esprimersi in sede consultiva, potendo intervenire sia nella fase procedimentale di formazione degli atti, sia nella fase decisionale, a richiesta o di propria iniziativa, a proposito di tutti gli aspetti giuridici legati ad un più efficace raggiungimento del fine pubblico.
Per questo motivo lo Statuto, il Regolamento o il Sindaco possono, in via straordinaria, disporre che il Segretario esprima dei pareri preventivi di legittimità o di conformità dell´azione amministrativa.
Il Segretario sovraintende allo svolgimento delle funzioni dei dirigenti e ne coordina l´attività, salvo quando il Sindaco abbia nominato un Direttore Generale. Il Segretario partecipa, inoltre, con funzioni consultive, referenti e di assistenza alle riunioni del Consiglio e della Giunta e ne cura la verbalizzazione; esprime il parere di regolarità tecnica e contabile nel caso in cui l´Ente non abbia responsabili di servizio; forma i contratti in forma pubblica, redige il testo in conformità alle leggi ed assiste le parti all´atto della stipulazione.
Infine, al Segretario Comunale possono essere conferite le funzioni di direzione nell´ipotesi in cui, nei Comuni di popolazione inferiore ai 15.000 abitanti non siano stipulate convenzioni per la nomina del Direttore Generale, figura attualmente non consentita da recenti normative, negli enti con popolazione inferiore a 100.000 abitanti.
Con la Legge 190/2012 il segretario comunale è stato individuato responsabile della prevenzione dei fenomeni illeciti negli enti dove svolge la propria prestazione lavorativa. (funzionario anticorruzione).
La nuova normativa sui controlli (D.L. 174/2012 conv. in Legge 7 dicembre 2012 n.213) ha disciplinato un obbligo di provvedere con propria ed autonoma attività regolamentare dei singoli enti locali al fine di non vedersi attivare il controllo prefettizio sugli organi. Molti comuni hanno così predisposto un regolamento "sui controlli" conferendo al Segretario ulteriori incombenze al fine di monitorare l'andamento degli atti amministrativi e migliorare la qualità degli atti prodotti dai responsabili di servizio o di area. Oltre al rafforzamento del ruolo della Corte dei Conti verso i Comuni e province, la legge lo ha disposto anche nei confronti delle Regioni. l'obbligatorietà della richiesta anche per le delibere che comportino riflessi diretti o indiretti sulla situazione economico finanziaria o sul patrimonio dell'ente. Con il comma 4, aggiunto rispetto al testo previgente, la norma stabilisce, altresì, che il consiglio o la giunta debbono motivare adeguatamente i casi in cui non intendano conformarsi al parere reso.
La lettera d) del comma 1 dell’articolo 3 sostituisce l’articolo 147 del TUEL, relativo alle tipologie di controlli interni degli enti locali, con cinque nuovi articoli da 147 a 147-quinquies, volti a ridisegnare l’intero sistema implementazione del sistema dei controlli interni, che prevede, oltre ai controlli di regolarità amministrativa contabile, di gestione e di controllo strategico, anche il controllo sugli equilibri finanziari dell’ente e il controllo degli organismi gestionali esterni all’ente, in particolare il controllo sulle società partecipate, che nel corso dell’esame in sede referente è stato peraltro limitato alle sole società non quotate. La disciplina attuativa di tale nuovo sistema di controlli interni, è demandata, ai sensi del comma 2 dell’articolo 3 ad un regolamento del Consiglio.
 
D.Lgs. 267/2000
Articolo 97
Ruolo e funzioni.
1. Il comune e la provincia hanno un segretario titolare dipendente dall'Agenzia autonoma per la gestione dell'albo dei segretari comunali e provinciali, di cui all'articolo 102 e iscritto all'albo di cui all'articolo 98.
2. Il segretario comunale e provinciale svolge compiti di collaborazione e funzioni di assistenza giuridico-amministrativa nei confronti degli organi dell'ente in ordine alla conformità dell'azione amministrativa alle leggi, allo statuto ed ai regolamenti.
3. Il sindaco e il presidente della provincia, ove si avvalgano della facoltà prevista dal comma 1 dell'articolo 108, contestualmente al provvedimento di nomina del direttore generale disciplinano, secondo l'ordinamento dell'ente e nel rispetto dei loro distinti ed autonomi ruoli, i rapporti tra il segretario ed il direttore generale.
4. Il segretario sovrintende allo svolgimento delle funzioni dei dirigenti e ne coordina l'attività, salvo quando ai sensi e per gli effetti del comma 1 dell'articolo 108 il sindaco e il presidente della provincia abbiano nominato il direttore generale. Il segretario inoltre:
a) partecipa con funzioni consultive, referenti e di assistenza alle riunioni del consiglio e della Giunta e ne cura la verbalizzazione;
b) esprime il parere di cui all'articolo 49, in relazione alle sue competenze, nel caso in cui l'ente non abbia responsabili dei servizi;
c) roga su richiesta dell’ente tutti i contratti nei quali l'ente è parte ed autenticare scritture private ed atti unilaterali nell'interesse dell'ente;
d) esercita ogni altra funzione attribuitagli dallo statuto o dai regolamenti, o conferitagli dal sindaco o dal presidente della provincia;
e) esercita le funzioni di direttore generale nell'ipotesi prevista dall'articolo 108, comma 4.
5. Il regolamento sull'ordinamento degli uffici e dei servizi, può prevedere un vicesegretario per coadiuvare il segretario e sostituirlo nei casi di vacanza, assenza o impedimento.
6. Il rapporto di lavoro dei segretari comunali e provinciali è disciplinato dai contratti collettivi ai sensi del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e successive modificazioni ed integrazioni.
 
Curriculum

biglietto da visita formato vcf

mail:p.bertazzoli@segretariocomunale.com
web:http://www.segretariocomunale.com
web ex agenzia segretari Lombardia ora Ministero dell'Interno uffici Segretari Comunali e provinciali sezione della Lombardia c/o Prefettura UTG di Milano responsabile il Prefetto capoluogo di Regione (Milano); per l'albo nazionale Ministero dell'interno anche se il sito risulta ancora sotto il seguente dominio http://albosegretari.interno.it/

Dichiarazione insussistenza incompatibilita' e inconferibilita' segretario generale_anno2016

Dichiarazione insussistenza incompatibilità e inconferibilità segretario generale_anno2017